Il peperone dolce, la coltivazione e proprietà benefiche.

Una meravigliosa combinazione di gusto piccantino e consistenza croccante, i peperoni dolci sono gli ornamenti natalizi del mondo vegetale con dalla forma sinuosa e dalla pelle lucida, che è presente in una vasta gamma di colori vivaci che vanno dal verde, rosso, giallo, arancio, viola, marrone nero.

Nonostante la loro tavolozza variegata, fanno parte tutti della stessa famiglia, conosciuta scientificamente come Capsicum annuum .

Peperoni sono grassocce verdure a forma di campana formate da tre o quattro lobi. I peperoni verdi e viola hanno un sapore leggermente amaro, mentre il rosso, arancio e giallo sono più dolci e quasi fruttato.

Questa varietà di peperoni non sono ‘piccanti‘, infatti la famosa capsaicina, si trova in quantità minime. Sebbene peperoni sono disponibili tutto l’anno, sono più abbondanti e gustosi durante i mesi estivi e inizio autunno.

I peperoni sono piante erbacee o suffruticose, alte da 30 cm a 2 m, con fiori biancastri, raramente violacei.

II frutto è una bacca, con moltissimi semi, assai variabile nella forma, nella grandezza e nella colorazione, dal caratteristico sapore pungente,talvolta molto piccante.

È coltivato specialmente nelle regioni meridionali, in Piemonte e Lombardia. Del peperone si distinguono varietà dolci, con frutti di forma squadrata o più o meno tondeggiante e varietà piccanti, con frutti allungati e conici

I peperoni si consumano freschi o si conservano in salamoia o sotto aceto,

Quelli piccanti sono usati come condimento e per la produzione di salse o, essiccati e polverizzati, per la produzione di paprica. Alcune varietà (peperoni cinesi) si coltivano anche a scopo ornamentale, per i frutti piccoli e variamente colorati. Le forme da giardino sono conosciute sotto il nome di peperette o peperoncini.

Coltivazione del peperone

Il peperone, richiede terreno fresco, soffice, esposto al sole e concimato con letame e concime organico in polvere. La semina si effettua in febbraio su letto caldo, per avere un raccolto molto precoce, oppure in maggio in semenzaio in pien’aria per ottenere una raccolta normale.

Le piantine nate da seme in semenzaio si trapiantano in aprile, quando hanno emesso almeno 5 foglie; la piantagione si esegue in file alla distanza di 40 cm una pianta dall’altra.

Crescita della pianta

Subito dopo la piantagione è bene annaffiare abbondantemente; in seguito, questa operazione va ripetuta soprattutto mentre i frutti stanno ingrossando e maturando; è indispensabile mantenere il terreno sempre ben zappettato, soffice e sgombro dalle cattive erbe; se le piante sono molto cariche di frutti e consigliabile munirle dei relativi tutori.

Si può iniziare la raccolta dopo due mesi dal trapianto per le varietà precoci, mentre per quelle tardive bisogna attendere 3-4 mesi.

I Benefici antiossidanti del peperone

Mentre studi di ricerca hanno avuto la tendenza a concentrarsi sui carotenoidi come antiossidanti caratteristici di peperone, questo ortaggio in realtà ci offre una gamma molto più ampia di antiossidanti.

Antiossidanti e vitamine C di questa verdura

All’interno di questo elenco di fitonutrienti antiossidanti, è comprensibile il motivo per cui i carotenoidi sono stati scelti per l’attenzione della ricerca.

Tra i cinque carotenoidi di cui sopra elencati, il peperone contiene quantità concentrate di beta-carotene e zeaxantina (sostanza colorante naturale di colore giallo-arancio).


  • Flavonoidi
  • luteolina
  • quercetina
  • esperidina
  • Carotenoidi
  • alfa-carotene
  • beta-carotene
  • criptoxantina
  • luteina
  • zeaxantina
  • Idrossicinnamici Acidi
  • acido ferulico
  • acido cinnamico

Una “tazza” di peperone fresco fresco a fette, per esempio, contiene circa 1.500 microgrammi di beta-carotene, o la stessa di un terzo di una piccola carota.

In termini di nutrienti convenzionali, il peperone è un’ottima fonte di vitamina C e la vitamina E. In aggiunta a queste vitamine tradizionali antiossidanti , l’elenco dei fitonutrienti nel peperone è impressionante e potete vedere qui accanto i principali nutrienti.

In un recente studio, i ricercatori spagnoli hanno preso esaminato molto approfonditamente la vitamina C, vitamina E, e i sei diversi carotenoidi (alfa-carotene, beta-carotene, licopene, luteina, zeaxantina e criptoxantina) in tutti gli alimenti comunemente consumati.

Solo due verdure erano determinati a contenere almeno i due terzi di questi nutrienti. Uno di questi alimenti era il pomodoro, e l’altro era il  peperone dolce, inoltre, il peperone da solo era determinante a fornire il 12% del totale zeaxantina e il 7% del consumo totale di vitamina C.

Questo bilancio straordinario identifica il peperone dolce come un alimento ricco di antiossidanti.

Valori Nutrizionali del peperone
[valorinutrizionali energia=”19″ energia=”81″ grassi=”0,2″ carboidrati=”2,9″ fibrealimentari=”3,6″ proteine=”1,1″ nome=”Peperone”][/valorinutrizionali] Aspettiamo di vedere i benefici antiossidanti del peperone dolce dimostrato sulla salute umana, compresi gli studi sulla prevenzione delle malattie cardiovascolari e la prevenzione del diabete di tipo 2 e i benefici antiossidanti nel campo della salute degli occhi.

Questi due carotenoidi particolari sono presenti in elevate concentrazioni nel macula dell’occhio (la parte più centrale della retina), e sono tenuti per la protezione della macula dal danno legati all’ossigeno. In una condizione chiamata degenerazione maculare legata all’età, o AMD, la macula dell’occhio può danneggiarsi e la visione può diventare perduto.

(Negli Stati Uniti, AMD è il caso di cecità negli adulti di età superiore ai 60 anni), abbiamo il sospetto che i futuri studi sull’uomo mostrano la riduzione del rischio di AMD con l’assunzione di routine di peperoni a causa dei loro forti benefici antiossidanti (e in particolare, loro concentrazione unica di luteina e zeaxantina).

Sapevate che il peperone è un potente anti-cancro?

Alimento ricco di nutrienti antiossidanti e anti-infiammatori, dal peperone ci si aspetterebbe di fornirci importanti benefici anti-cancro.

L’esposizione a infiammazione eccessiva cronica e stress ossidativo cronico indesiderati, possono aumentare il rischio di sviluppo del cancro per la maggior parte dei tipi di cancro, ed entrambi questi fattori può essere in parte compensato dalla dieta.

(Assunzione regolare di nutrienti antiossidanti può ridurre il rischio di stress ossidativo cronico, e regolare assunzione di nutrienti anti-infiammatori può abbassare il rischio di infiammazione eccessiva cronica.)

Con una ricca offerta di fitonutrienti che hanno proprietà antiossidanti e anti-infiammatori, dai peperoni ci si aspetterebbe un ottimo contributo per compensare questi fattori e ridurre il nostro rischio di sviluppo del cancro.

Peperone
Il peperone dolce

Comments are closed