Melanzana, proprietà e benefici per la salute

Ortaggio apprezzato per la il suo aspetto oltre che per il gusto unico e la consistenza, la melanzana è disponibile tutto l’anno, anche se è preferibile consumarla da agosto a ottobre, quando è di stagione.

Se volete gustare tutto l’anno delle melanzane fresche, noi di Oro del Salento le melanzane le conserviamo sott’olio, spezziate per apprezzarne di più il gusto, oppure macinate grossolanamente per gustose bruschette

Le Melanzane appartengono alla famiglia delle Solanacee di verdure, che comprende anche i pomodori, peperoni e patate. Crescono in maniera molto simile ai pomodori, appese come l’uva sui vigneti di una pianta che cresce in verticale. Le diverse varietà si differenziano leggermente nel gusto e consistenza, generalmente il gusto è gradevolmente amarognolo e la consistenza spugnosa.

Melanzana e benefici per la salute

Oltre a con una serie di vitamine e minerali, le melanzane contengono anche fitonutrienti importanti, i quali svolgono un’attività antiossidante.

La ricerca sulle melanzane è concentrata su un fitonutriente trovato nella buccia, chiamato Nasunin. Questo è un potente antiossidante contro i radicali liberi e protegge dunque dall’invecchiamento delle cellule.

Ricco di antiossidanti fenolici composti

Alcuni ricercatori della US Agricultural Service in Beltsville nel Maryland hanno scoperto che le melanzane sono ricche di composti fenolici che funzionano come antiossidanti e formano tali composti per proteggersi contro infezioni da batteri e funghi.

La buona notizia relativa alla melanzana è che il composto fenolico predominante presente in tutte le varietà testate, è l’acido clorogenico, che è uno dei più potenti antiradicali liberi nei tessuti vegetali. Vantaggi? l’acido clorogenico è anti-mutageno (anti-cancro), antimicrobico, anti-LDL (colesterolo cattivo) e antivirale.

I ricercatori hanno inoltre studiato circa sette cultivar di melanzane coltivate commercialmente negli Stati Uniti e una variegata collezione di melanzane esotiche e selvatiche provenienti da altre contee. Oltre all’acido clorogenico, hanno trovato altri 13 acidi fenolici significativamente presenti nelle cultivar commerciali, anche se l’acido clorogenico era il composto fenolico predominante in tutti loro.

Oltre al loro potenziale nutritivo, gli acidi fenolici nelle melanzane sono responsabili del sapore amaro di alcune varietà.

Gli scienziati hanno iniziato a lavorare sullo sviluppo di cultivar di melanzane con un equilibrio ottimale di polifenoli per garantire sia il valore nutrizionale ottimale e gusto gradevole.

Salute cardiovascolare

Quando agli animali da laboratorio con colesterolo alto è stato somministrato succo di melanzane, il colesterolo nel sangue, quello presente  pareti delle arterie e quello dell’ aorta (l’aorta è l’arteria che restituisce il sangue dal cuore in circolazione nel corpo) è stato significativamente ridotto, mentre le pareti dei loro vasi sanguigni si sono rilassate, con conseguente migliorando del flusso di sangue.

Questi effetti positivi sono stati probabilmente dovuto non solo alla nasunin, ma anche a molti altri fitonutrienti presenti nelle melanzane.

Un pò di Storia

Le melanzane selvatiche iniziarono a crescere in India, fu in seguito coltivata anche ​​in Cina, e introdotta in Africa prima del Medioevo. Infine arrivò in Europa e in Italia.

Oggi, l’Italia, la Turchia, l’Egitto, la Cina e il Giappone sono i principali produttori di melanzane.

Anche se ha una storia lunga e ricca, la melanzana non è venerata nella cultura alimentare di oggi, soprattutto nelle cucine europee.

Per secoli, dopo la sua introduzione in Europa, le melanzane sono state utilizzate più come una pianta da giardino decorativa che come alimento, questo fino 18° secolo, quando furono introdotte nuove varianti che fecero perdere alla melanzana il sapore tanto amaro.

Come selezionare le melanzane

Scegli melanzane che sono hanno un peso considerevole, la loro buccia deve essere lucida e liscia e il colore uniforme viola scuro, non devono avere alcuna discromia, cicatrice o livido. Quest’ultimo indica che la polpa sotto sta cedendo o eventualmente degenerando.

Il fusto e il cappuccio, alle due estremità del melanzane, dovrebbe essere di colore verde brillante.

Anche se sembra un ortaggio robusto, la melanzana è in realtà molto delicata e facilmente deperibile, è sensibile al calore e al freddo e dovrebbe essere conservata ad una temperatura di circa 10°C. Non tagliare le melanzane prima di riporle in frigorifero, poiché deperiscono rapidamente una volta affettate.

[valorinutrizionali energia=”17″ energia=”72″ grassi=”0.2″ carboidrati=”2.5″ fibrealimentari=”2.8″ proteine=”1.2″ nome=”Melanzana”][/valorinutrizionali] Se desiderate tagliare e conservare le melanzane conservatele in un sacchetto di plastica in frigorifero nel reparto inferiore, della frutta e verdura, dove può rimanere per un paio di giorni. Se si acquistano melanzane avvolte nella pellicola trasparente di plastica, rimuovete la pellicola il più presto possibile, in quanto inibisce la respirazione dell’ortaggio e ne altera la freschezza.

 

La melanzana viola
Melanzana Viola proprietà e benefici

 

Leave A Reply

Your email address will not be published.