Vino Primitivo, Negroamaro e Malvasia

I vini denominati Primitivo Negroamaro Malvasia sono vini secchi corposi

Sono vini che completano cibi pesanti, poiché hanno un sapore fresco che può essere gustato in qualsiasi periodo dell’anno e un aroma con sentori di agrumi.

Quali sono i migliori abbinamenti gastronomici per il vino Primitivo, Negroamaro , Malvasia?

I vini Primitivo, Negroamaro e Malvasia sono vini autoctoni italiani.

  • Il Primitivo è un vino rosso scuro dal gusto fruttato e di frutta secca.Alla vista si presenta cristallino, di un rosso rubino consistente, di media concentrazione e media trasparenza. Segnali di vino leggero, giovane e fragrante. Morbido ed equilibrato con note balsamiche, floreali e fruttate. Buona freschezza. Qualità fine.
  • Il Negroamaro è un vino viola scuro che può essere dolce o secco. Segnali di vino leggero, giovane e fragrante. Morbido ed equilibrato con note balsamiche, floreali e fruttate. Buona freschezza. Qualità fine.
  • La Malvasia Bianca è un vino bianco prodotto in Italia dalla metà del XVI secolo. Dal profumo intenso e persistente, e sapore ricco ed avvolgente.

Tutti e tre questi vini prevedono abbinamenti alimentari diversi in base ai loro profili aromatici.

Come si abbinano i vino primitivo, negroamaro e malvasia bianca?

Il Primitivo si abbina al meglio con piatti come barbecue, pizza e antipasti.

Il Negroamaro si abbina al meglio con primi piatti al sugo di pomodoro o minestre leggere come minestroni o zuppe di pomodoro.

La Malvasia Bianca si abbina al meglio con piatti a base di formaggi come un tagliere di formaggi e pesce.

Primitivo Salento

Il Primitivo è un tipo di vino che viene prodotto nella regione del Salento in Italia. Si caratterizza per il suo gusto fruttato e per il fatto di avere un’elevata gradazione alcolica.

Il Primitivo è un tipo di vino che viene prodotto nella regione del Salento in Italia. Si caratterizza per il suo gusto fruttato e per il fatto di avere un’elevata gradazione alcolica.

Questo tipo di vino è stato sviluppato per fornire un’alternativa più economica ai vini toscani, che all’epoca erano più costosi da produrre a causa della loro posizione geografica.

Negroamaro Salento

Il Negroamaro è un vitigno originario del Salento, in Italia. È stato coltivato per la prima volta nel 1962 da un coltivatore italiano, il professor Luigi Vezzadini.

Il vino ha un colore rubino intenso con un bouquet di frutta rossa, viola e note terrose. Il sapore è morbido e fruttato, con sentori di liquirizia e pepe nero che gli conferiscono un finale speziato.

Malvasia bianca Salento

La Malvasia bianca del salento è un vitigno italiano che viene coltivato principalmente in Puglia, il tacco dello stivale italiano. Il vino è fatto con uve da vino bianco o uve da vino rosso che vengono essiccate in uve avvizzite simili a uvetta.

L’uva Malvasia bianca del salento è utilizzata per produrre vini sia rossi che bianchi, ma è più diffusa in questi ultimi. Può essere usato come un singolo vitigno o miscelato con altre uve come il Trebbiano per fare uno stile “frizzante” di vino bianco secco.

Menu